Segni New Generations Festival: a Mantova il teatro è per i più piccoli

Se a qualcuno fosse mai venuto il dubbio che il teatro non è roba da bambini, si potrà subito ricredere consultando il ricchissimo programma di uno degli appuntamento oramai divenuti un “classico” sia per la città di Mantova, che per inciso quest’anno è Capitale Italiana della Cultura – sia del teatro per bambini: Segni New Generation Festival internazionale d’arte e teatro per le nuove generazioni.

L’appuntamento è quest’anno alla sua undicesima edizione e si presenta con alcune novità, buona parte legate a quella espressione “New Generation”, che parla di un’evoluzione del festival ampliando l’orizzonte in un contesto sempre più internazionale.

Partendo dai numeri, il festival – che si terrà dal 26 ottobre al 2 novembre in alcuni dei luoghi più suggestivi della città dei Gonzaga – propone 34 spettacoli e oltre 300 eventi con workshop, progetti di ricerca, laboratori e incontri per spettatori dai 18 mesi ai 18 anni.

Tra gli ospiti d’eccezione ci sarà lo scrittore Stefano Benni che domenica 30 ottobre al Teatro Bibiena con In bocca al lupo (dai sei anni in su): racconti, aneddoti e testi sul lupo, che è proprio l’animale simbolo di questa edizione del festival, come ben testimonia l’immagine simbolo, il lupo disegnato niente meno che dal Premio Nobel Dario Fo.

Non mancheranno gli spettacoli per i piccolissimi. Lo spettacolo musicale MiloEMaya propone un’esperienza tattile per avvicinare i più piccoli da 1 a 3 anni al mondo della lirica (coproduzione AsLiCo e Scarlattiniteatro_Campsirago Residenza); Il Giardino di Gaia della compagnia svizzera Teatro Pan (1-5 anni) mette in scena un viaggio teatrale nella natura e nelle stagioni; Buio (dai 2 ai 5 anni) condurrà i bambini in uno spettacolare percorso sensoriale ed emotivo tra luce e buio (produzione Scarlattiniteatro_Campsirago Residenza); SeMino (dai 2 ai 6 anni) sarà uno spettacolo di educazione sentimentale verso l’ambiente (compagnia La luna nel letto).

segni-locandina-2016

Diverse inoltre le attività parallele, come il concorso che permette di scaricare dal sito l’immagine simbolo disegnata da Dario Fo ed elaborarlo e inviarlo entro il 10 ottobre e Teen Theatre European Engagement Network, un progetto di cooperazione tra tre festival europei e un’università dedicato agli adolescenti, nuovo pubblico del festival.

Utile da sapere infine che Trenord riserva tariffe agevolate per le scuole e i gruppi che si recano al festival in treno.

Tutte le informazioni, i costi e il programma si trovano online sul sito dell’organizzazione Segni d’infanzia.

Rispondi